AMSTERDAM


May 3, 2014 - 20h

ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA, AMSTERDAM

classical accordion concert


The Musicians of the Italian Accordion Academy


Vincenzo De Nitto

Andrzej Grzybowski

Fábio Palma

Marco Pasculli

Ezio Testa

Przemek Wojciechowski



Works by Bach, Ligeti, Ginastera, Pärt, Chopin, Komitas, Jacomucci, Tiensuu, Kusyakov, Beltrami, Takahashi, Ganzer, Bizet, Krzanowski, Vlasov, Taktakishvili


_______________________________________________



May 4, 2014 - 20:30h

BIMHUIS

contemporary dance/music performance



Kathleen Delaney, dancer and choreographer

Roberto Lori, dancer

Daniele Roccato, doublebass

Claudio Jacomucci, accordion

Coro Polifonico Durantino

Simone Spinaci, conductor and solo vocalist

The Musicians of the Italian Accordion Academy



Suite vénitienne/Follow me (2014)

for two dancers, doublebass and accordion

Concept and choreography by Kathleen Delaney

Music by Claudio Jacomucci and Daniele Roccato

[PREMIERE]


Arcana (2013)

for choir, solo voice and accordion ensemble

Music by Claudio Jacomucci



Olson III (1967)

version for accordion ensembles, choir and two dancers

Music by Terry Riley


URBINO


Venerdì 6 Giugno  2014, ore 21

TEATRO RAFFAELLO SANZIO

concerto e performance di musica e danza

I Musicisti dell’Accademia Fisarmonicistica

Kathleen Delaney, danzatrice e coreografa

Roberto Lori, danzatore

Claudio Jacomucci, fisarmonica

Coro Polifonico Durantino

Simone Spinaci, direttore di coro e cantante solista



Concerto di fisarmonica classica

con musiche di György Ligeti, Alberto Ginastera, Arvo Pärt, Claudio Jacomucci, Jukka Tiensuu, Padre Komitas, George Bizet, Jürgen Ganzer, Frederick Chopin, Otar Taktakishvili



Arcana (2013)

di Claudio Jacomucci

per coro, ensemble di fisarmoniche e voce solista



Olson III (1967)

di Terry Riley

per coro, ensemble di fisarmoniche e due danzatori


________________________________________________



Sabato 7 Giugno  2014, ore 21

TEATRO RAFFAELLO SANZIO

poesia, musica, danza



Mariangela Gualtieri, poetessa

Kathleen Delaney, danzatrice e coreografa

Roberto Lori, danzatore

Claudio Jacomucci, fisarmonica

Daniele Roccato, contrabbasso

I Musicisti dell’Accademia Fisarmonicistica



Fraternità solare (2014)

di Mariangela Gualtieri

Musica per 6 fisarmoniche di Claudio Jacomucci

[PRIMA ASSOLUTA]



Suite vénitienne/Follow me (2014)

di Kathleen Delaney

Musica di Claudio Jacomucci e Daniele Roccato

[PRIMA ITALIANA]


Kathleen Delaney

Claudio Jacomucci

Daniele Roccato

© Alex Comaschi

© Americo Salvatori

© Americo Salvatori

Roberto Lori

© Stefano Baioni

Mariangela Gualtieri

© Melina Mulas

© Americo Salvatori

Coro Polifonico Durantino

Simone Spinaci

Vincenzo De Nitto

Andrzej Grzybowski

Fabio Palma

Marco Pasculli

Ezio Testa

Przemek Wojciechowski

Il festival Il Fiore delle Mille e una Nota, curato da Kathleen Delaney Dance Co | Accademia Fisarmonicistica, piattaforma di ricerca nell’ambito della produzione e della pedagogia della musica e della danza contemporanea, apre la sua terza edizione con due concerti ad Amsterdam il 3-4 Maggio, all’Istituto di Italiano di Cultura e alla Bimhuis e prosegue al Teatro Raffaello Sanzio di Urbino il 6-7 Giugno. In apertura il 6 giugno il concerto de I Musicisti dell'Accademia Fisarmonicistica (Vincenzo De Nitto, Fábio Palma, Andrzej Grzybowski, Przemek Wojchiechowski, Marco Pasculli, Ezio Testa) che presenteranno un programma esclusivamente musicale con opere originali e trascritte per la fisarmonica classica, strumento sempre più apprezzato nell’ambito classico contemporaneo. Composizioni di Ligeti, Pärt, Bizet, Chopin, Tiensuu, Jacomucci, Ganzer, Ginastera, Padre Komitas e Taktakishvili. A seguire, due composizioni eseguite dallo stesso ensemble di fisarmoniche e dal Coro Polifonico Durantino di Urbania: Arcana, un brano commissionato a Claudio Jacomucci dal direttore del coro Simone Spinaci nel 2013, che esplora le modalità vocali e strumentali di alcune antiche tradizioni musicali (canto Inuit, canto armonico, Kecac, musica carnatica e shakuhachi) e Olson III, che può essere considerata una delle più potenti composizioni dal compositore minimalista Terry Riley. Basata sulla ripetizione di brevi frammenti di testo e pattern melodici, il brano è ispirato dalla filosofia Zen, ai Raga Indiani, e al Gamelan Balinese. Olson III è interpretato da coro, ensemble di fisarmoniche e dai danzatori Kathleen Delaney e Roberto Lori. Ospite d’eccezione il 7 giugno a Urbino è la poetessa Mariangela Gualtieri, fondatrice del Teatro Valdoca insieme a Cesare Ronconi, che presenterà Fraternità Solare, una serie di poesie che convivono in partitura musicale creata da Claudio Jacomucci per 6 fisarmoniche, disposte secondo un criterio di spazializzazione acustica, che creano tessiture e risonanze a fare da eco alla parola e a sollecitare l’irrompere dall'immaginario. Un omaggio alla natura, all’umano, che sfiora l’ascoltatore con un gesto tanto delicato quanto indelebile.

Sempre il 7 giugno, andrà in scena Suite Vénitienne/Follow me, una nuova creazione della coreografa Kathleen Delaney ispirata dall’omonimo testo multimediale della fotografa francese Sophie Calle, che documenta con pensieri e fotografie un viaggio nella labirintica città di Venezia compiuto in incognito alla ricerca di un uomo incontrato brevemente a Parigi. Interpretato dalla stessa Kathleen Delaney, coreografa attiva sul panorama internazionale de diversi anni, e dal danzatore Roberto Lori (già interprete per Simona Bucci, Virgilio Sieni, Monica Casadei), il lavoro è impreziosito dalla presenza di Claudio Jacomucci e Daniele Roccato, rispettivamente fisarmonicista e contrabbassista che vantano esperienze di spicco nel panorama della musica contemporanea.

Un particolare ringraziamento a:

Giliola Giovannetti | John W. Torcello  | Eline Grünewald | Michele Giovanelli e Alessandra Zanchi | Carolina Talon

Susanna Strapazzini | Jutta Winter | Regine Shulz | Rik Shoemaker | Ivana Berardi | Giordano Jacomucci | Roberto Rossi

ll Buco Urbino | Il Caffé degli Angeli Urbino | Cristiana Starace | Romina Jacomucci | Tartufi Antiche Bontà Urbino

per aver sostenuto questo progetto.